Prestiti a Protestati

Prestiti a Protestati

Hai difficoltà a richiedere finanziamenti, e vorresti saperne di più sui prestiti a protestati? Ti spiegherò come ricevere liquidità, nonostante tu sia stato segnalato come cattivo pagatore o protestato.

Una delle prime difficoltà per chi ha ricevuto una tale segnalazione, è certamente quella di aprire un conto come protestato. Naturalmente le banche e le società finanziarie, una volta appresa la tua situazione, difficilmente approveranno la tua domanda.

PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO

Prestiti a Protestati

Cos’è un protesto?

Come si ottengono i prestiti a protestati?”, Prima di rispondere a questa comune domanda, ti voglio fare una premessa, su cosa significa il termine protesto.

Quest’ultimo è un atto pubblico, con il quale un ente ufficiale come ad esempio il notaio, attesta che tu hai saltato o tardato un pagamento relativo ad una rata di un presto ad esempio, e di conseguenza verrai inserito nel registro dei protesti.

Il primo consiglio che ti do è quello di optare per la cessione del quinto, un metodo efficace per poter ricevere liquidità nonostante tu sia stato protestato.

Ciò non toglie che ci sono alcune forme di finanziamento senza cessione del quinto, che vanno bene per chi come te è finito nel registro protesti.

Cessione del quinto per protestati

Prima di considerare e apprezzare l’idea di ottenere credito senza garante, dovrai valutare se hai i requisiti per poter accedere alla cessione del quinto.

In primis dovrai essere un dipendente privato o pubblico, cosicché il prestito e successivamente la rata da rimborsare, ti sarà trattenuta direttamente sulla tua busta paga.

Motivo per cui, per le banche e gli enti finanziarie, tale garanzia è sufficiente per poter concedere le liquidità da te desiderate.

Finanziamenti a protestati senza busta paga

Anche chi non ha busta paga ed è protestato, può ricevere un finanziamento grazie a delle valide alternative rispetto a quelle mostrate in precedenza.

Una di queste è grazie all’intervento del garante. Tale individuo dev’essere un soggetto che non è mai stato segnalato come cattivo pagatore o protestato, ma che allo stesso tempo abbia una somma sufficiente a coprire le tue eventuali insolvenze.

Prestito con ipoteca immobiliare

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di far richiesta online di un prestito, ipotecando un immobile. L’istituto a cui hai fatto domanda, nonostante il tuo bene possa avere un valore consistente, sarà libero di rifiutare o accettare la concessione di credito.

Finanziamento con cambiale

Hai mai sentito parlare di cambiale? I prestiti cambializzati rientrano tra la categoria di prestiti a protestati. La cambiale non è altro che un titolo esecutivo che garantisce il pagamento di una rata in una determina giornata dell’anno.

Qualora tu non rispettassi il pagamento, la banca o l’ente finanziario di riferimento, senza preavviso potrà pignorarti il bene che corrisponderà al valore dell’intera liquidità ottenuta in prestito.

Attenzione a prima di firmare un contratto

Se sei esaltato all’idea di poter firmare un contratto, per un finanziamento accettato anche se risulti protestato, fai attenzione alle condizioni contrattuali.

Ad esempio prendi in considerazioni esclusivamente le finanziarie con buoni tassi di interesse. Naturalmente molte banche potrebbero approfittare della tua situazione per aumentare leggermente gli interessi, ma occhio ad una eventuale usura bancaria.

Quali finanziarie fanno prestiti a protestati?

Una delle domande classiche “quali sono le finanziarie che fanno prestiti a protestati?”. Brevemente ti elenco quelle banche a cui potrai fare la tua domanda:

Domande più frequenti

Come farsi cancellare dal registro dei cattivi pagatori?

  • La cancellazione dal registro dei protestati può avvenire nei seguenti modi:Cancellazione dopo 12 mesi: nel caso in cui avessi ritardato il pagamento di 1 o 2 rate, a patto che gli altri mesi siano stati già saldati.
    Cancellazione dopo 24 mesi: nel caso in cui avessi ritardato il pagamento di 3 o più rate, a patto che gli altri mesi siano stati già saldati in modo puntuale.
    Cancellazione dopo 24 mesi: nel caso in cui non avessi mai pagato le rate, o comunque in presenza di gravi insolvenze e inadempimenti.

Qui di seguito ti lascio il modulo per contattare il Crif, sia per richiedere la cancellazione che per eventuali informazioni sulla tua affidabilità creditizia.

Se ho una pensione minima (circa €500), ma son segnalato al Crif pur avendo già un prestito con cessione del quinto, posso richiedere il rinnovo? Necessito di ulteriori liquidità

  • In questo caso, qualora il pensionato avesse già saldato almeno 2/5 del debito, allora si può optare per la rinegoziazione della cessione del quinto.

    Se invece il finanziamento in corso ha almeno una durata pari o inferiore a 60 mesi, si può rinnovare richiedendone uno di almeno 120 mesi.

Il tuo caso non rientra tra questi? Commenta e sottoponimi pure le tue domande, ti aiuterò nel più breve tempo possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *